AZIENDA

L’azienda Murogrosso si estende in un unico corpo di 137 ettari, di cui 70 di seminativi e 40 di bosco ceduo, nei Comuni di Fabro e Ficulle, nella Valle del Chiani. Nel versante compreso tra il centro storico di Carnaiola e la stretta del ponte del Murogrosso, l’esposizione a mezzogiorno, il pendio regolare e la natura brecciosa del terreno conferiscono al sito un insieme di caratteristiche agronomiche particolarmente favorevoli alla viticoltura.

Pertanto nel 1970 è stata impiantata con il sostegno FEOGA la prima vigna Orvieto DOC di 5 ettari e realizzata una cantina per la vinificazione tradizionale dell’intera DOC di 5 ettari e realizzata una cantina per la vinificazione tradizionale dell’intera produzione, che poi era venduta allo stato sfuso attraverso cooperative agricole.

Tra il 1985 e il 1992, tenuto conto dell’evoluzione qualitativa del consumo di vino in Italia, la vinificazione è stata abbandonata e l’uva prodotta è stata integralmente conferita a una cantina sociale. L’investimento nella viticoltura è proseguito nel 1992 con il reimpianto della vigna del 1970 e l’inserimento di altri vitigni di uve bianche consentiti dall’aggiornamento del disciplinare Orvieto DOC. Nel 1999 la superficie vitata è stata ulteriormente incrementata con l’impianto dei primi vigneti di uve rosse.

Nel 2005 è ripresa la vinificazione di parte delle uve prodotte, con l’assistenza di enologi professionisti, realizzando in un antico casale e nei suoi annessi una nuova cantina, dotata delle attrezzature necessarie per produrre e imbottigliare vini bianchi e rossi di qualità.

Dal 2013 l’azienda partecipa al Progetto “VIVI UMBRIA Recupero e valorizzazione del germoplasma viticolo autoctono dell’Alto Orvietano”, finanziato dalla regione Umbria, in collaborazione con il centro di ricerca CREA di Arezzo. In quest’ambito, in aree di proprietà non coltivate a vigna da oltre 80 anni, si sono raccolti residui tralci di viti di due biotipi interessanti che, insieme ad altri rinvenuti nel progetto, sono stati impiantati in un vigneto sperimentale, per verificare nei prossimi anni il valore enologico dell’uva prodotta.

Nel biennio 2015 2016 sono stati impiantate nuove vigne sul versante opposto della valle del Chiani, mentre una parte delle vigne impiantate nel 1992 è stata rinnovata. vigneti hanno raggiunto oggi l’estensione complessiva di 12,5 ettari. Tutti vitigni sono iscritti nel disciplinare Orvieto DOC, o compresi tra quelli indicati per vini rossi IGT Umbria. Gli impianti di cantina sono stati recentemente ampliati e aggiornati ed è stato costruito un nuovo fabbricato per il confezionamento e lo stoccaggio dei vini imbottigliati.